Di tutto un pò...

Gli italiani tornano a fare le vacanze? Pare di sì, e pure a settembre

L’estate 218 sembra essere propizia per il ritorno degli italiani alla (bella) pratica delle vacanze. Lo rivela Federalberghi, la Federazione delle associazioni italiane Alberghi e Turismo, che ha previsto che da giugno a settembre saranno 34,5 i nostri connazionali in viaggio, pari al 57% della popolazione. Nel complesso, l’incremento rispetto all’estate 2017 è pari al +0,5%. Bene anche il giro d’affari del comparto, previsto a 24,1 miliardi di euro.

Italiani in Italia

“Siamo un popolo che ama viaggiare nel suo Paese: questo sembrerebbe dimostrare la fotografia del movimento turistico degli italiani per l’estate 2018. La nostra indagine rivela che è aumentato il numero dei connazionali che faranno la loro vacanza principale in Italia: l’80,2% resterà nel Belpaese contro il 78,6% dello scorso anno” dice il presidente della federazione Bernabò Bocca. Come di consueto, per coloro che resteranno in Italia il mare si conferma la meta preferita dagli italiani per le vacanze estive, accogliendo il 67% dei viaggiatori. Seguono la montagna con il 9,5% delle preferenze, le località d’arte maggiori e minori con il 7,3%. Buona la performance delle località termali (4,5%) e dei laghi (3,5%). La durata media della vacanza si attesta a 10 giorni.

Capitali europee le preferite all’estero

Il 19,3% dei connazionali che si recherà oltre confine visiterà soprattutto le grandi capitali europee (49,5%) e le località marine (stabili al 17,5%).

Il giro d’affari

La spesa media complessiva stimata per le vacanze estive (comprensiva di viaggio, vitto, alloggio e divertimenti) risulta in crescita rispetto allo scorso anno, attestandosi sugli 911 euro contro gli 838 euro del 2017. Il giro d’affari complessivo è di 24,1 miliardi di euro, in aumento del 9,5% rispetto ai 22 miliardi dell’estate 2017.

I mesi più vacanzieri

Senza troppe sorprese, Agosto si conferma il mese leader, con il 60,3% degli italiani che lo scelgono per la propria vacanza principale, seppur in calo rispetto allo scorso anno (68,4%), a tutto vantaggio del mese di settembre, che fa registrare un 19,5% di presenze, rispetto al 12,4% del 2017.

“L’elemento che trovo distintivo sta nel fatto che per quest’anno si prevede uno spostamento dei flussi in favore del mese di settembre. Sono istintivamente portato a pensare che ciò vada letto in un’ottica positiva: questa crescita potrebbe fare da leva e dare un forte input alle politiche di destagionalizzazione che la nostra Federazione sostiene da sempre per il bene e lo sviluppo turistico del Paese” conclude il presidente di Federalberghi.

About Marina Lo Cerchio